Fotografo di Matrimonio Palazzo Reale Milano – Elisabetta + Davide

Wedding Reportage Paolo Lamperti Photographer Fotografo Matrimonio Wedding Engagement Fidanzamento Varese Milano Como

Elisabetta + Davide | Fotografo di Matrimonio Palazzo Reale Milano.

 

Quello che pubblicherò oggi è un servizio fotografico “atipico”, almeno rispetto ai matrimoni che di solito pubblico sul blog.

Elisabetta e Davide si sono sposati a Milano in una cerimonia civile nella bellissima sala di  Palazzo Reale.

Mi hanno chiamato poco prima del giorno del matrimonio per verificare se ero disponibile per le riprese.

C’è stato un certo imbarazzo nel chiedermi di fotografare, perché Davide mi ha subito detto che “sarà un matrimonio molto molto molto intimo”.

Noto una certa reticenza da parte sua, quasi come se si stesse chiedendo se la presenza di un fotografo fosse davvero necessaria.

O se non potessi essere interessato dato che non era un matrimonio “con tutti i crismi”.

In questo matrimonio, come qualcuno potrebbe giustamente sottolineare, mancano i segni caratteristici a cui siamo abituati.

Non c’è bouquet, non ci sono partecipazioni, non c’è abito bianco, non ci sono decorazioni floreali, non ci sono ospiti.

Solo due testimoni.

Le fedi nuziali appaiono magicamente da un portafoglio, insieme a qualche moneta da 5 e 10 centesimi.

Inoltre, non c’è nessun ricevimento di nozze, solo un classico “aperitivo alla milanese”.

Un matrimonio che si è svolto in un paio d’ore.

Quindi?  Un evento così piccolo…. vale la pena chiamare un fotografo di matrimonio per documentarlo?

Mi sono dato subito la risposta e, dopo aver visto le foto realizzate, ho deciso di usarle per il contest dell’album dell’anno di ANFM.

Da un lato questa esperienza mi ha certamente spiazzato: un matrimonio atipico, tempi molto brevi e la mancanza della presenza confortante delle “solite cose da fotografare”. Dall’altro mi ha lasciato libero di viverlo senza pressione e di lasciarmi andare seguendo il flusso degli eventi.

Ho vissuto la folle esuberanza di questi due ragazzi, alcune lacrime e molti abbracci veri e sinceri.

Emozioni vere che, alla fine e secondo la mia modesta opinione, è ciò che vale la pena fotografare per poterli ricordare.

Che le foto siano belle, lascio a voi giudicare.

Da parte mia, ringrazio Elisabetta e Davide per avermi dato l’opportunità di crescere e imparare che non è necessario scattare per 12 ore per raccontare una storia.

L’importante è che ci sia una storia da raccontare e che si sia presenti, con occhi e cuore, per testimoniarla.